RIMOZIONE DEI TATUAGGI TRAMITE LASER Q-SWICH \ Nd-YAG


La rimozione dei tatuaggi tramite laser Q-swich \ Nd-Yag costiuisce una straordinaria innovazione tecnologica legata alla scoperta di poter frammentare il pigmento d'inchiostro, situato nel derma, senza lasciare esiti cicatriziali sulla pelle.

                    images-1jpeg                           imagesjpeg

Si tratta di un laser di nuova generazione che utilizza una lunghezza d'onda di 532 e 1064 nm. Tali lunghezze d'onda permettono di trattare con successo quasi tutte le alterazioni pigmentate (tatuaggi) colpendo selettivamente il melanosoma, l'organo cellulare contenente la melanina, tramite un particolare effetto fotoacustico.

Le particelle d'inchiostro colpite dal raggio laser si frammentano in particelle molto piccole in modo da poter essere fagocitate e digerite dai granulociti, cellule attive delle difese immunitarie.

Questo laser può essere utilizzato su tatuaggi professionali, amatoriali, cosmetici, medicinali o traumatici, di diversa colorazione.

                     images-3jpeg                        Unknownjpeg

Alcuni colori pastellati molto tenui risultano di difficile eliminazione totale.

Il trattamento è alquanto indolore e deve essere seguito da un'apposita medicazione da proseguire anche a domicilio per alcuni giorni.

Le sedute per ottenere un buon risultato devono essere distanziate tra loro di almeno 3-4 settimane ed il numero totale di applicazioni laser varia a seconda dell'intensità del colore, dal colore stesso, dalla vetustà del tatuaggio, dalla sede, dalle dimensioni e dalla risposta individuale all'azione di cancellazione.


images-5jpeg              Unknown-1jpeg

Gli effetti visibili, dopo ogni singola applicazione, permettono di valutare lo sbiancamento graduale del tatuaggio e l'andamento del trattamento in generale.

E' importante sottolineare che non sempre si riesce ad eliminare totalmente l'ombra (detta anche fantasma) del tatuaggio.

Si raccomanda di non esporsi al sole o a lampade UVA prima e dopo i trattamenti laser e di non assumere farmaci fotosensibilizzanti.