MALAROPLASTICA o ZIGOMOPLASTICA


Quando si effettua questo tipo di correzione estetica si riesce ad ottenere una sorta di ringiovanimento dell'intero viso perché le pieghe, in particolare quelle naso-geniene, si attenuano fino addirittura a scomparire; la pelle del viso si tende ed acquista, indirettamente, una compattezza più giovanile.

zigomoplastica_bjpg

Per ottenere un simile risultato occorre scegliere attentamente il prodotto giusto:

  • idrossiapatite di calcio

  • acido jaluronico

  • lipofilling

  • protesi di silicone (elastomero)

  • protesi porex

ognuno di questi materiali presenta dei vantaggi nella scelta da fare.

  • l'idrossiapatite di calcio è un prodotto molto modellabile, aderisce molto bene nei piani profondi della pelle e conserva per lungo tempo la sua consistenza e la sua funzione. Il rapporto qualità/prezzo è indiscutibile. Si applica in pochi minuti ed il risultato è ben visibile subito dopo. Assieme al prodotto viene iniettata una microdose di anestetico locale per non dare il senso di fastidio che lo scollamento dei tessuti trattati subiscono a seguito dell'applicazione. Non necessita di particolari accortezze nei giorni successivi.

  • L'acido jaluronico che viene adoperato in questo caso è particolarmente denso ma è poco malleabile, la consistenza è duro/elastico e la durata è di molti mesi. L'impianto, effettuato tramite una siringa con ago, è semplie e veloce. Il risultato è già visibile subito dopo la puntura ma raggiunge la condizione ottimale dopo alcuni giorni in quanto richiama acqua all'interno della molecola e la trattiene per molti mesi. É correggibile in caso di applicazione eccessiva. E' indolore e non necessita di alcuna medicazione.

  • Il lipofilling combinato con il PRP è una novità nel settore estetico. Si effettuano due prelievi: uno di sangue e l'altro di grasso; quindi vengono opportunamente trattati in laboratorio e subito dopo introdotti nella regione zigomatica. Per qualche tempo viene applicato del ghiaccio sulla parte trattata. Si tratta di un vero e proprio trapianto autologo che non ha nessuna controindicazione. L'unica complicazione riscontrata, seppur raramente, è un piccolo ematoma nel punto dell'iniezione che opportunamente trattata viene eliminata nell'arco di qualche giorno. Il risultato è stabile nel tempo, quindi definitivo.

  • L'applicazione di protesi di silicone o di porex (materiale poroso che si integra meglio con la struttura ossea sottostante l'alloggiamento) rappresenta un vero e proprio intervento chirurgico da effettuarsi obbligatoriamente in sala operatoria. Si effettua in anestesia locale con l'aiuto di una lieve sedazione. Ha la durata di circa 30 minuti. Non necessita di particolari accortezze nel decorso post operatorio.

    Le protesi vengono inserite attraverso un piccolo taglio all'interno della bocca, viene creata una tasca di accoglimento a contatto con l'osso zigomatico quindi viene inserita la protesi che rapidamente si fissa ai tessuti circostanti. Il decorso postoperatorio può presentare dolore locoregionale che può essere affrontato con antidolorifici generici, gonfiore ed ematomi che in pochi giorni scompaiono.